Dai un’occhiata anche…

  • Collisioni accidentali

    20,00

  • Fantasmi e altri animali

    20,00

  • Traiettorie sommerse

    16,00

  • S.T.Q.R. – SONO TROPPI QUESTI ROMANI

    20,00

Anime riciclate

16,00

(4 recensioni dei clienti)

Alessandra Nunziante

ISBN: 979-12-5579-041-9

Novembre 2023

Categories:

Descrizione

Cosa può accadere di così strano quando pensiamo che tutto – inesorabilmente – stia andando come sempre? La vita di Lupo è contraddittoria, solitaria, fatta di ombre lunghissime che si alzano sul suo nome e sul suo cammino.

Sarà un incontro del tutto fortuito a indirizzarlo verso un viaggio nelle sue emozioni e a ritroso nel suo passato, per poter guardare al futuro con chiarezza e trasparenza: Lupo si addentrerà sempre di più in un intricato labirinto emotivo, alla ricerca delle proprie anime riciclate, per poterle perdonare e, così, anche assolvere sé stesso.

In questo romanzo Alessandra Nunziante racconta un percorso di dolore e buio, che si apre poi alla luce e al sollievo. La storia di un uomo che si ritrova negli strascichi di tutte le vite che l’hanno accarezzato, poi abbandonato, e alla fine riportato alla trasparenza del presente; lì dove non ci sono più ombre lunghissime che si stagliano dentro di noi, ma solo angoli di luce da preservare.

Scarica il primo capitolo

Autore

Alessandra Nunziante

Classe 1991, è una scultrice, pittrice e artista torinese tour court specializzata in Comunicazione e Eventi. Inizia il suo percorso in età giovanile partecipando a vari progetti culturali come Torino Word Design, i Centocinquanta anni dell’Unità d’Italia e l’Armeria Reale. 

Esordisce con il suo primo romanzo Un giorno al contrario (Kimerik, 2017), cui segue Likes di sto mazzo (Pathos Edizioni, 2021). Negli anni ha intrattenuto anche collaborazioni artistiche e culturali con «Rai», Distretto Cinema e il Circolo dei lettori di Torino.

Rassegna Stampa

4 recensioni per Anime riciclate

  1. Riccardo Formelli

    Divorato in poche ore. “Quel momento richiede silenzio. Sembrava di contemplare una tela bianca, dipinta con colori che diventano poesie visive”
    Un personaggio intraprende un viaggio alla scoperta del proprio cuore. Lungo la strada, trova cinque note che lo definiscono. Queste note sono le sue aspirazioni, i suoi ostacoli e le sue lezioni.

    L’olfatto è un senso misterioso, che ha un legame profondo con la memoria. Le immagini olfattive, a differenza di quelle visuali, sono in grado di conservarsi nel tempo senza svanire.Un viaggio introspettivo attraverso i ricordi può essere stimolato da un profumo che riporta alla mente persone, luoghi e momenti lontani.

    “Anime Riciclate” è un libro morbido, delicato e soave. La scrittura di Alessandra è sempre aggraziata, gentile e cortese.
    Un viaggio introspettivo tra Portogallo, Egitto, Parigi, Torino e il rapporto con la madre. In una caccia al tesoro dove l’olfatto può essere un potente strumento per esplorare i propri ricordi e la propria interiorità

  2. Vanessa

    Sono rimasta piacevolmente sorpresa da questa lettura che dopo qualche pagina ha assunto una piega del tutto inaspettata. Un labirinto emotivo che grazie ai tanti colpi di scena ci tiene incollati alle pagine. Ho divorato il romanzo tutto d’un fiato perché non vedevo l’ora di scoprire il finale. Se siete alla ricerca di una lettura breve ma che sia anche coinvolgente fin da subito, vi consiglio di leggere questo romanzo ❤️

  3. Felicia

    Le persone che amiamo ci insegnano tutto nella vita, tranne a vivere senza di loro.anime riciclate è un romanzo che attraverso il racconto da favola, ci fa viaggiare in un mondo parallelo dove tutto è possibile, per insegnarci che anche nella vita reale attraverso la nostra forza interiore possiamo rendere tutto possibile.un romanzo fiabesco
    per adulti che, con le sue splendide illustrazioni si dilata al punto da raggiungere il formato di un vero romanzo.diventa così un libro prezioso da regalare, da leggere in autonomia o da leggere insieme.

  4. @parodilibro

    Un viaggio alla scoperta del proprio cuore
    Il libro si apre in un bar di Burgau, piccolo villaggio portoghese. L’anno è il 1987. Spiagge dorate, mare, onde che si infrangono. Un incontro fortuito mentre il protagonista, Lupo, attende invece un altro incontro, un’altra persona. Da qui inizierà un lungo viaggio introspettivo che lo porterà in Portogallo, Egitto, Parigi e infine Torino, in un cammino in bilico tra sogno e realtà. I contorni diventeranno talmente fumosi e sottili da condurre il protagonista in una sorta di limen, una soglia che gli consentirà il passaggio verso nuove aree di potenzialità, interne ed esterne, che si configurano come possibile pre-condizione di incontro, scambio, scoperta o ri-scoperta.

    Lungo la strada, Lupo si scontra con il suo passato, le sue aspirazioni, l’esperienza, le lezioni imparate, la malattia, le cicatrici, l’amore e la perdita. E il filo conduttore di questo percorso personale è il profumo, e di conseguenza l’olfatto. Un senso che è particolarmente legato alla memoria, e che diventa per il protagonista un potente strumento per esplorare la propria interiorità. Si tratta infatti del più enigmatico dei sensi, il più intimo, capace di rievocare ricordi ed emozioni, risultando quindi, in maniera quasi proustiana, una via d’accesso privilegiata rispetto agli altri canali sensoriali.

    Ricomporsi
    Questo viaggio alla ricerca di se stesso lo condurrà a persone, luoghi e momenti lontani, attraverso un percorso di dolore e buio, che si apre poi al sollievo. Un viaggio che lo porterà a nuove consapevolezze, conscio che oltre alle lunghe ombre appuntite e minacciose, c’è anche una luce da cui tutto parte, e che senza complementarietà di entrambe, non esiste una vera comprensione di sé e degli altri, e non potrà quindi perdonare, e perdonarsi. Dopo essere andato in pezzi, dopo aver toccato il fondo, il protagonista dovrà ritrovare ogni pezzo di se stesso, cercando ogni tessera del puzzle per infine ricomporsi, e lo farà attraverso gli strascichi di ogni vita, ogni anima che l’ha toccato, accarezzato, abbandonato. E che l’hanno poi riportato nel presente.

    Considerazioni
    Con una prosa delicata, gentile, aggraziata e quasi poetica, l’abile penna dell’autrice dipinge la complessità del protagonista, in tutte le sue sfumature. Lupo è un personaggio con cui è facile entrare in relazione, e in cui ognuno di noi, almeno in una fase della propria vita, potrebbe sicuramente immedesimarsi.

    Recensione completa sul blog Universo Letterario https://universoletterario.it/anime-riciclate-di-alessandra-nunziante/

Aggiungi una recensione

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Prodotti Correlati

  • Collisioni accidentali

    20,00

  • Fantasmi e altri animali

    20,00

  • Traiettorie sommerse

    16,00

  • S.T.Q.R. – SONO TROPPI QUESTI ROMANI

    20,00

Torna in cima