La casa editrice Giulio Perrone Editore viene fondata a Roma il 19 marzo 2005 da Giulio Perrone e Mariacarmela Leto con lo scopo di creare una nuova realtà letteraria e culturale, sulla scia delle case editrici indipendenti romane. Punti cardine del progetto sono l’attenzione per la qualità dei testi, la cura per la veste grafica e una contaminazione fra arti e linguaggi che esplori le molteplici possibilità del fare cultura.

Obiettivi ambiziosi che Giulio Perrone Editore si è impegnata a raggiungere con passione e competenza in questi sedici anni di lavoro, supportata e approvata da grandi personalità come Rossana Campo, Nadia Terranova, Paolo di Paolo, Romana Petri, Lidia Ravera, Walter Mauro, Dacia Maraini, Paolo Poli, Ugo Riccarelli, Antonio Tabucchi.

L’impegno fondamentale di Giulio Perrone Editore è sempre stato e rimane la ricerca e la scoperta di narratori italiani contemporanei grazie alla collana Hinc, in cui romanzi e racconti adoperano come occasione narrativa alcune delle urgenze della nostra attualità, scandagliando paure e ansie dell’umanità contemporanea. Da questa collana nascono successi di pubblico e critica che costituiscono tappe importanti di crescita della casa editrice e dei suoi autori, che spesso, dopo essere stati scoperti e lanciati da Giulio Perrone Editore, continuano la loro carriera di scrittori con grandi case editrici: Chiara Valerio, Giorgio Nisini, Paolo Di Paolo, Gabriele Santoni, Ilaria Rossetti (vincitrice del Campiello Giovani 2007), Giuseppe Aloe, Chiara Marchelli, Paola Cereda (semifinalisti rispettivamente al Premio Strega 2012, 2017 e 2019).

La collana di guide letterarie Passaggi di dogana nel 2021 compie nove anni; grazie alla qualità dei testi proposti e alla riconoscibilità della veste grafica ideata da Maurizio Ceccato, si conferma uno dei punti di riferimento per gli affezionati della casa editrice: la contaminazione tra letteratura e viaggio evoca un nuovo modo di appropriarsi dello spazio, del luogo, del qui. Racconti di viaggio, incontri con città e persone che cambiano intere esistenze: dalla Lisbona di Tabucchi alla Roma delle periferie di Pier Paolo Pasolini e Giancarlo De Cataldo, dalla Londra di Virginia Woolf raccontata da Cristina Marconi alla Praga di Kafka interpretata da Giuseppe Lupo.

Nel 2019 nasce la collana Hinc Joe, diretta dallo scrittore di culto Joe R. Lansdale, che apre le porte della casa editrice a titoli inediti, rari e classici della letteratura noir nordamericana.

Negli ultimi anni, Giulio Perrone Editore ha sentito l’esigenza di dar voce al fermento culturale nato dalle istanze femministe, con testi di autrici e autori italiani e internazionali. A ottobre 2021 vedrà la luce la collana Mosche d’oro, diretta da Nadia Terranova, Giulia Caminito e Viola Lo Moro: ospiterà biografie di grandi donne affidate alla penna di scrittrici; tra le prime uscite: Jeanne Moreau raccontata da Lisa Ginsburg, Lisa Mopurgo raccontata da Melissa Panarello e Leonora Carrington raccontata da Elvira Seminara.

Prosegue inoltre il percorso di scoperta nel mondo della poesia, grazia alla collana Poiesis e alla neonata rivista di poesia contemporanea Bezoar, entrambe dirette dal poeta Giorgio Ghiotti.

Tra fiere nazionali e internazionali, in cerca di nuove idee e di nuovi progetti, Giulio Perrone Editore procede con passione lungo il suo percorso, fatto non solo di carta e inchiostro: dal 2006 infatti, si impegna a promuovere e diffondere la scrittura creativa, i mestieri dell’editoria e successivamente la traduzione letteraria e il giornalismo culturale, non solo attraverso l’attività corsistica, ma anche con cene d’autore, aperitivi d’arte, workshop in libreria. Tutto con un impegno preciso – quasi una poetica – che non si riduce alla semplice pubblicazione di libri di qualità, ma che intende creare uno spazio di dialogo e di confronto culturale.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza possibile sul nostro sito.