Estinzione dell’uomo bambino

Collana:

pp. 128

Formato 12x18

ISBN: 978-88-6004-407-5

Poesia

12,00 €

La prima volta che ho visto Giorgio Ghiotti era chino sui tasti del mio improbabile pianoforte, li faceva risuonare come fossero di uno Steinway, poi in salotto parlava luminoso e illuminato dal sole, pareva l’amico Stolz di Oblomov come ce lo introduce Mikhalkov nel suo film, che entra preceduto da Zachar a spalancare, forte come una primavera, le tende polverose del dormiente sul divano.
Su queste poesie di Ghiotti – alcune come lui giovanissime, molte di più già mature, quasi anziane, comunque già capaci di volare – su queste poesie si è posata la luce di Sandro Penna (negli ultimi anni pure lui sdraiato come Oblomov, con le persiane anche di giorno chiuse) e quella di Barrie, di James Matthew Barrie, l’autore di “Peter Pan nei Giardini di Kensington”; di Peter (ispirato da Peter Davies che morirà tragicamente, come pure gli altri fratelli Davies che invece nella fiaba incantati attraversano con lui il cielo) Ghiotti è appassionato conoscitore e studioso.

Vivian Lamarque

L’autore

Giorgio Ghiotti è nato nel 1994 a Roma dove studia Lettere presso l’università “La Sapienza”. Più volte finalista al Premio Campiello Giovani e vincitore del Premio Campiello Giovani Lazio 2012, ha esordito nella narrativa con la raccolta di racconti Dio giocava a pallone (Nottetempo 2013). Collabora con riviste letterarie quali “Nuovi Argomenti”, “Nazione Indiana”, “Orlando esplorazioni”. Scrive sulle pagine culturali de “L’Unità”.


Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza possibile sul nostro sito.