Dare tempo al tempo

Variazioni sul tema nella poesia italiana del Novecento

Collana:

2016

Formato 13x20

ISBN: 978-88-6004-425-9

Saggio

22,00 €

“Dare tempo al tempo” raccoglie, intorno a un grande tema poetico, filosofico e umanissimo, come quello del Tempo, centotrenta autori italiani del Novecento, rappresentati ciascuno da un solo testo e proposti in sequenza alfabetica. Il criterio anticronologico, apparentemente burocratico e casuale, produce una rete estesissima di relazioni, di rimandi, di “accoppiamenti giudiziosi”, tra poeti molto diversi per personalità, stili, generazioni. Nell’approccio al tema e nell’originalità di lettura, poeti “minori”, più nel senso della notorietà che della qualità, coesistono con i poeti “laureati” ormai diventati classici, come Bertolucci, Caproni, D’Annunzio, Fortini, Giudici, Gozzano, Luzi, Marin, Montale, Pascoli, Pasolini, Penna, Quasimodo, Raboni, Rebora, Rosselli, Saba, Sereni, Ungaretti, Zanzotto. Poeti della prima metà del secolo convivono con tutti i protagonisti della poesia più recente. e anzi, proprio dal loro incontro, un insieme di voci autonome, divise da selettori gerarchici stereotipati, diventa un ensemble armonico.

Nel labirinto del tempo costruito dalla poesia di un secolo, l’intento dei curatori è stato quello di individuare costanti e piccoli o grandi scarti, ricorrenze con soluzioni via via sempre più originali, lontane dagli archetipi di partenza, per tradurre una grande passione e ridare smalto a “quella cosa superflua e necessaria che è la poesia”, alla sua forza conoscitiva.

a cura di Alma Gattinoni e Giorgio Marchini

Alma Gattinoni è nata e risiede a Lecco. Laureata in Lettere moderne presso l’Università statale di Milano, insegna nei licei letteratura italiana. Si è occupata di poesia e di narrativa del Novecento, con collaborazioni a riviste specializzate, tra cui Orlando Esplorazioni.

Giorgio Marchini è nato a Codogno e ha vissuto per molti anni a Milano, dove si è laureato in Lettere moderne presso l’Università statale. Attualmente vive e lavora a Lecco. All’attività di insegnamento nei licei, ha affiancato traduzioni, stesure di testi scolastici, interventi su riviste letterarie, tra cui Orlando Esplorazioni, editoriali per il quotidiano “La Provincia”.
Il loro comune interesse per l’arte ha trovato nel versante iconografico un ideale campo di ricerca. Il libro dipinto del 1998 (Periplo editore), “Storia dell’oggetto libro nella pittura occidentale dal Medioevo al Novecento”, è la loro prima esperienza di scrittura “a quattro mani”, continuata fino a “La nuda proprietà”, saggio sul corpo nella pittura tra fine Ottocento e Novecento in “Piccola storia del corpo” del 2013 (Giulio Perrone editore).


Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza possibile sul nostro sito.