Ho parato un rigore a Pelè

Gli scrittori italiani e il grande romanzo del calcio

a cura di Giuseppe Aloe, Paolo Di Paolo e Giorgio Nisini

Collana:

pp. 128

Formato 13x20

ISBN: 978-88-6004-158-6

Racconti

10,00 €

Gli scrittori italiani e il grande romanzo del calcio

 

Come entra il calcio nella vita di un italiano? Quanto conta, fin da bambini, il rapporto con il pallone? Quali esperienze offre, in termini di sogni, di crescita, di amicizia, di sentimenti in genere? Si può amare o odiare il calcio, ma è impossibile non sfiorarlo, in un Paese che davanti alle partite si ferma e a volte si ritrova miracolosamente unito. Palloni di plastica o di cuoio che finivano sotto le ruote di auto parcheggiate. Rigori in cui cui si giocava la stima di tutti, e magari pure lo sguardo di una ragazza. Episodi anche minimi della vita di ciascuno possono raccontare come il calcio agisca da collante sociale, come incida sull’identità di gruppi e di singoli, di luoghi. Come possa mescolare adrenalina, gioia, calore emotivo, crudeltà, violenza. Se il calcio in Italia è il grande romanzo popolare, chi meglio degli scrittori può provare a spiegarlo? Conversazioni in forma di racconto – tra bandiere strappate, ricordi di famiglia e d’amore, accensioni politiche, nostalgia, partite (eroiche) sotto casa.

Gianrico Carofiglio

Quando si formavano le squadre, io ero sempre fuori.

 

Ugo Riccarelli

Il racconto come moviola.

 

Walter Mauro

La vita reale comincia il martedì.

 

Dario Voltolini

Quando mio padre scoprì Platini.

 

Antonio Pascale

Non sapere cos’è un terzino.

 

Roberto Perrone

Per giocare a pallone si distruggono i garage.

 

Alberto Garlini

I tempi mitici del fútbol bailado.

 

Gianluca Morozzi

Quando segnano gli avversari, io non voglio guardare.

 

Errico Buonanno

Che fine ha fatto quella bandiera della Roma.

 

Raul Montanari

Mia madre è un’interista feroce.

 

Gian Paolo Serino

Gli anni dei Mondiali e le sconfitte amorose.

 

Raffaele La Capria

Non ho mai tifato per Maradona.

 

Antonio Tabucchi

Quando giocavo come ala destra.

A cura di

Ho parato un rigore a Pelé è una raccolta di conversazioni realizzate da Giuseppe Aloe, Giorgio Nisini e Paolo Di Paolo con tredici scrittori contemporanei di diverse generazioni. Hanno partecipato Gianrico Carofiglio, Raffaele La Capria, Antonio Tabucchi, Ugo Riccarelli, Antonio Pascale, Raul Montanari, Gian Paolo Serino, Gianluca Morozzi, Errico Buonanno, Walter Mauro, Roberto Perrone, Alberto Garlini e Dario Voltolini.

Rassegna stampa

Sat2000 (intervista a Giorgio Nisini)

IlsecoloXIX

GQ.com

wuz.it


Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza possibile sul nostro sito.