La nostra ultima estate

Collana:

pp. 170

Formato 13x20

ISBN: 978-88-6004-292-7

Romanzo

13,00 €

Zaira ha i sensi all’erta: nessun dettaglio le sfugge; lei osserva e annota ogni cosa, raccoglie odori, sapori, tracce di esistenza. Tutti la vedono calma e coraggiosa, ma dentro Zaira si sente “naufraga in acque tempestose”. Le sue radici sono africane: la sua storia comincia in Etiopia, con un padre di cui sa troppo poco – misterioso, quasi invisibile – e una madre che non si lascia mai scoraggiare. L’infanzia e l’adolescenza di Zaira sono invece italiane: la seconda vita è qui, e qui sono gli anni di scuola, le prime, faticose amicizie, i passi incerti in una terra di sorprese e di feroci diffidenze. “Se esistono gli extracomunitari, chi sono i comunitari?” si domanda Zaira. La risposta è muta; è nel conquistare giorno per giorno – con la tenacia ereditata da sua madre – niente più che lo spazio per parlare, lavorare, innamorarsi, esserci. Lo spazio che chiamiamo identità. Zaira racconta questo cammino accidentato all’amica Marcella: lo fa con la fiducia e lo slancio di un sodalizio femminile, molto più che semplice solidarietà. La malattia della madre, una gravidanza imprevista, l’ostilità di un uomo, le ferite del razzismo – nella vita di Zaira. E in quella di Marcella, in apparenza più quieta, i sogni di fuga, la nostalgia per Bari e per il mare, la fatica di tenere insieme una famiglia senza rinunciare a se stessa. Ancora una volta, l’identità.
Enza Buono fa scorrere in parallelo due esistenze diverse ma non abbastanza per essere estranee: nei sentimenti degli altri possiamo specchiarci, comprendere i nostri, ridurre le tentazioni dell’egoismo. Se la vita talvolta è bugiarda, non lo sono le parole di queste due donne che, senza essersi cercate, si trovano. L’autrice le restituisce con grazia e con empatia, fino a fare propri i desideri di Marcella e di Zaira, e a condividere con loro l’idea di un mondo libero da pregiudizi che Zaira vorrebbe consegnare a suo figlio.

L’autrice

Enza Buono è nata a Noto ma vive a Bari. Ha insegnato per molti anni e ha collaborato con giornali e riviste letterarie pubblicando articoli e saggi su autori italiani e francesi. Tra i suoi romanzi ricordiamo Perché Teresa Raquin (1997), Arielle è andata via (2006) e Quella mattina a Noto (2008).


Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza possibile sul nostro sito.