Il professore non torna a cena

Collana:

pp. 328

Formato 13x20

ISBN: 978-88-6004-227-9

Romanzo

15,00 €

Un romanzo sorprendente con un finale dove la ruvida accettazione della propria sconfitta non ha nulla da invidiare all’eroismo.

 

Sergio, trent’anni, lavora come tecnico specializzato per una grande azienda che distribuisce materiale chirurgico. Ha un ottimo stipendio, una bella macchina, una fidanzata. Un’anomalia, per l’Italia di oggi. La Rossa è un’estremista di sinistra e fa parte di un nucleo combattente che progetta l’omicidio di un importante professore di economia, collaboratore del governo, che vuole riformare il mercato del lavoro. Ma quando tutto sembra preordinato, stabilito e in via di realizzazione, gli equilibri iniziano a rompersi, la determinazione a vacillare. Sergio si licenzia, crolla sotto il peso degli ingombranti compromessi a cui il suo lavoro lo costringe. La Rossa esita, si chiede se la soluzione migliore per “fare la rivoluzione” sia davvero quella di eliminare un professore universitario che gira in bicicletta, per giunta senza scorta. Vinto e disoccupato, come diversivo alla sfibrante routine Sergio prende a frequentare con più assiduità il pub nel quale era solito sbronzarsi una sola volta a settimana, il venerdì, e su suggerimento di uno psicologo dal quale è stato trascinato dal padre, comincia a tenere un diario quotidiano. Scrive ma sorprendentemente una vecchia vena artistica che credeva estinta riprende vigore e le sue memorie emotive acquistano una strana piega narrativa. Inizia allora a narrare della crisi esistenziale di una donna, una combattente, alle prese con un dubbio di certo più grande di lei. Il Professore non torna a cena è un romanzo complesso, in cui un crescente e insopprimibile disagio morale fa da contraltare ad altrettanto inevitabili assunzioni di responsabilità di ordine pratico. Un romanzo in cui anche la riscoperta di una sopita indole artistica rimane ambigua e non redime e i personaggi corrono verso un finale dove la ruvida accettazione della propria sconfitta non ha nulla da invidiare all’eroismo.

L’autore

Alessio Dimartino è nato a Roma, dove tira a campare tra il lusco e il brusco. Ha pubblicato il suo primo romanzo, Tutti vivemmo a stento nel 2010. Questo è il suo secondo. Decisamente migliore del primo. Lui spera.

Rassegna Stampa

Cristiana Saporito, Flaneri.com

Giovanni Pannacci, Mangialibri.com

Massimiliano Coccia, Ilrecensore.com

Vincenza Alfano, Unmondoditaliani.com

Andrea Consonni, Lankelot.eu


Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza possibile sul nostro sito.