Ieri ha chiamato Claire Moren

Collana:

2016

pp. 254

Formato 13x20

ISBN: 978-88-6004-433-4

Romanzo

15,00 €

“Ieri ha chiamato Claire Moren” è l’incontro tra chi vuole dimenticare tutto e chi è condannato a ricordare.
Dopo diciotto anni di prigione Enea viene scarcerato e decide di andare a vivere dove un tempo era stato felice. Lì incontra un anziano signore, tale Gagliardi, un cacciatore di nazisti che è sulle tracce di Marigold, la Primula Nera del nazismo internazionale. Gagliardi, convinto dell’innocenza di Enea, lo incoraggia a riannodare i fili della memoria, a svuotare la nausea del cuore e a ritornare nell’illusione della vita. Così, fra azione e riflessione, parte la ricerca.
La vita di Anni, la giovane donna di cui Enea era innamorato e del cui omicidio è stato accusato, viene scandagliata e ripercorsa, alla ricerca di una faglia che lasci emergere indizi prima trascurati per arrivare al vero colpevole. Attraverso una singolare indagine si segue il tortuoso percorso di una memoria dolorosa e di un amore tormentato e a tratti crudele.
Con la sua prosa cadenzata e densa, Giuseppe Aloe costruisce un romanzo dalle atmosfere tese e fragilissime, in cui si disegna così una parabola dalle trame insolite, popolate da personaggi strambi e oscure relazioni, un diario indecifrabile, nuovi sospetti, misteriosi depistaggi, fino ad un inaspettato epilogo.

Autore

Giuseppe Aloe nasce a Cosenza nel 1962. Ha pubblicato “Non pensare all’uomo nero… dormi” (2005), “Non è successo niente” (2009), “Lo splendore dei discorsi (2010)”, “La logica del desiderio” (2011, finalista al Premio Strega) e Gli anni di nessuno (2012), tutti editi dalla Giulio Perrone Editore.


Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza possibile sul nostro sito.