Gli anni di nessuno

Collana:

pp. 192

Formato 13x20

ISBN: 978-88-6004-260-6

Romanzo

13,00 €

I misteri dolorosi della pazzia e dell’infanzia in una narrazione implacabile e a tratti struggente.
Gianrico Carofiglio

Giuseppe Aloe grazie ad una scrittura sorvegliata, riesce a creare uno spaesamento non solo emotivo.
Il Venerdì di Repubblica

Garbo e immaginazione si mescolano e si accavallano offrendo al lettore un piatto ricco capace di rattristare, ma anche di regalare emozioni. Purissime. Amarissime. Ma uniche.
Il Giornale

 

Il professore è morto. La voce all’altro capo del telefono arriva dall’unico passato che Gambart riesce a ricordare. Gli anni di “riabilitazione” passati a casa del professor Gondrenovic che lo salva dopo un’infanzia muta e chiusa. Gli anni in cui viene rieducato alla vita per induzione, e in cui conosce lei, Annet. Rincontrarla significa rivivere la sua seconda vita e cercare di ricostruire la prima, raccontandola. Tracce lasciate quasi a caso, indizi senza qualifica che si addensano e si riposizionano. Quale oscurità lega Gambart ai suoi anni più remoti? Perché la morte del professor Gondrenovic lo ributta indietro come una freccia che, per un destino inesplicabile, va a ritroso? E chi è Annet, la giovane donna che segue e ascolta i suoi strampalati racconti iniziandolo ai piaceri del corpo? E ancora, perché il padre di Gambart si rifiuta di aprire la bocca e seguire la regola gentile della fonazione? La vita si riavvolge come un nastro sempre identico, ma sconosciuto, dimenticando il calcolo della convenienza e della maturità. Una matrioska senza orpelli e mai uguale a se stessa, dove a essere custodita è una memoria che spesso non rivela i ricordi. Qual è la linea di confine tra ciò che è realmente accaduto e i frammenti che ne tratteniamo? Giuseppe Aloe torna con una storia dura, scritta in una lingua ipnotica che rimette al centro delle nostre vite l’infanzia. Gli anni di nessuno, il tempo che pensiamo di aver perduto e che invece, eternamente, ci domina.

L’autore

Giuseppe Aloe nasce a Cosenza nel 1962. Ha pubblicato la raccolta di racconti Non pensare all’uomo nero… dormi (2005) e i romanzi Non è successo niente (2009), Lo splendore dei discorsi (2010), La logica del desiderio (2011), tutti editi dalla Giulio Perrone Editore. Nel 2012 con La logica del desiderio è stato finalista al Premio Strega.

Rassegna Stampa

Andrea Bressa, Panorama.it

Cristiana Saporito, Flaneri.com

Giovanni Pannacci, Mangialibri.com

Gli amanti dei libri

Presentazione del libro (video)


Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza possibile sul nostro sito.